AP16 capsule

Vitamina C - 80 mg

Vitamina B5 - 7,5 mg

Rame - 0,5 mg

Zinco - 5mg

Colostro Bovino - 200mg

Echinacea Erba Echinacea Angustifolia D.C. PLV - 200mg

Lactob. Rhamnosus - 3 MLD

Lactob. Rheuterii - 3 MLD

Shitake e.s. tit 10% polisaccaridi - 100 mg

AP16 è una formulazione complessa di integratori alimentari che utilizza le potenti sinergie tra le varie sostanze (Vitamina C, Vitamina B5, Rame, Zinco) per garantire il benessere genito-urinario attraverso un riequilibrio dell’ecosistema microbico e del biofilm e la riduzione dello stress ossidativo.

L’utilizzo di probiotici efficaci quali Lactobacilli Rhamnosus e Rheuterii sui biofilm patogeni vescicali e vaginali rinforza la frontiera preventiva, ripristina l’ecosistema vaginale ed il corretto pH e riduce il ricorso alle terapie antibiotiche in modo molto più restrittivo e mirato.

AP16 riunisce in un'unica formulazione anche le peculiarità dell'Echinacea Angustifolia e dello Shitake, noti per l’attività immunostimolante nella prevenzione delle malattie virali.

In situazioni di vulnerabilità psicofisica (carenze nutrizionali, infezioni virali ricorrenti, degenza post operatoria) lo sviluppo o la funzionalità del nostro sistema immunitario risultano depotenziati: in questa condizione è più difficile difendersi da microrganismi ambientali che causano malattie.

AP16, integratore alimentare formulato per potenziare le difese immunitarie e favorire il benessere psicofisico in ogni fase della vita.

Lo stress si riferisce a un processo dinamico in cui viene sfidata l'omeostasi di un organismo, il risultato dipende dal tipo, dalla gravità e dalla durata dei fattori di stress coinvolti, dalle risposte allo stress innescate e dalla resilienza allo stress dell'organismo. È importante sottolineare che la relazione tra stress e sistema immunitario è bidirezionale, poiché non solo gli stressanti hanno un impatto sulla funzione immunitaria, ma le alterazioni della funzione immunitaria possono suscitare risposte di stress. Tali interazioni bidirezionali sono state identificate in modo prominente nel tratto gastrointestinale e genitale; le interazioni tra il sistema immunitario periferico viscerale ed il cervello avvengono attraverso metaboliti microbici, ormoni intestinali, mediatori immunitari e neuroni sensoriali. Questi aspetti dell'impatto dello stress immunitario sui processi molecolari evidenziano nuove opportunità di intervento terapeutico in associazione a stili di vita adeguati (attività fisica regolare, alimentazione equilibrata, sonno regolare).

AP16 è consigliato in caso di necessità di alcune sostanze, causata da un’alimentazione non corretta o da particolari situazioni carenziali (infezioni ricorrenti, prolungate terapie antibiotiche, stress chirugico).
AP16 ha una formulazione esclusiva ideata per contribuire al benessere dell’organismo ottimizzando lo stato nutrizionale con l’apporto di nutrienti e sostanze necessarie per il normale sviluppo ed il mantenimento in buona salute dell’organismo della donna, in tutte le fasi della sua vita.

Fig. 1

Fig. 1 - Nel tubo digerente umano risiede l’80% delle cellule del sistema immunitario in età pediatrica e il 60% in età adulta. Una funzione estremamente importante svolta dalla popolazione batterica è quella di contribuire allo sviluppo e alla maturazione del sistema immunitario tenendolo in costante allenamento. I batteri possono però produrre anche sostanze tossiche e dannose in grado di creare forti squilibri a livello neurovegetativo e immunitario. Per questo è importante l’equilibrio all’interno della popolazione microbica perché è proprio la costante competizione tra i diversi batteri, benefici e potenzialmente patogeni, che aiuta a mantenere sotto controllo la popolazione batterica.

Il sistema nervoso enterico comunica con il sistema nervoso centrale (gut-brain axis) ed è in grado di inviare segnali di nausea e malessere, può accumulare ricordi, emozioni e stress. I ricercatori ipotizzano che una dieta che altera la salute dell’intestino o condizioni che modificano il microbiota (virus, antibiotici, stress psicofisico) siano alla base di numerosi disturbi quali ansia, depressione, obesità e patologie neurologiche.

Bibliografia

  1. Scapagnini G. Dossier scientifico sul benessere delle vie urinarie femminili. AIIPA. dicembre 2014.
  2. Graziottin A, Zanello PP, D’Errico G. Cistiti e vaginiti recidivanti: ruolo dei biofilm e delle persister cells. Dalla fisiopatologia a nuove strategie terapeutiche. Minerva Ginecologia vol. 66. N. 5. Pag.497-512. Ottobre 2014.
  3. Martina A, Magni P. Nutraceuticals and women’s health: current aspects and future perspectives. Giornale Italiano di Farmacoeconomia e Farmacoutilizzazione. 2017; 9.
  4. Calogero AE, La Vignera S, Aversa AA. Uro-andrological treatment with nutraceuticals. Giornale Italiano di Farmacoeconomia e Farmacoutilizzazione. 2017; 9 (1): 88-95.
  5. Reid G, Bruce AW. Urogenital infections in women: can probiotics help?. Postgrad Med J. 2003; 79:428–432.
  6. Elias J, Bozzo P, Einarson A. Are probiotics safe for use during pregnancy and lactation? Canadian Family Physician, Le Médecin de famille canadien, Vol 57, MARS 2011.
  7. Macklaim JM, Clemente JC, Knight R, Gloor GB, Reid G. Changes in vaginal microbiota following antimicrobial and probiotic therapy. Microbial Ecology in Health & Disease. 2015.
  8. Cai T, Tamanini I, Kulchavenya E, Perepanova T, Köves B, Wagenlehner FME, Tandogdu Z, Bonkat G, Bartoletti R, Johansen TEB. The role of nutraceuticals and phytotherapy in the management of urinary tract infections: What we need to know? Archivio Italiano di Urologia e Andrologia. 2017; 89,1.